La Principessa riapre... la porta

“Non possiamo abbandonare il territorio perchè è parte di ciò che siamo”.
[da: "Il nostro Giornale"]

“Non possiamo abbandonare il territorio perchè è parte di ciò che siamo”. Questo il passaggio di Manuel Alfonso amministratore delegato di Prisma Impianti spa, tra i maggiori “sponsor” della riapertura dell'antico ingresso del Forte, che spiega lo sforzo di molte Associazioni di rendere ancora più fruibile l'antica fortezza di Gavi. Riapertura avvenuta sabato scorso durante una cerimonia ufficiale alla quale hanno preso parte, tra le altre personalità, anche l'onorevole Renato Balduzzi, già ministro alla Salute durante il governo Monti e il vice presidente della Regione, Ugo Cavallera. Un pomeriggio-evento in cui ai momenti più strettamente istituzionali se ne sono alternati altri “più leggeri”. Dopo il concerto di Echos e quello della cantante gaviese, Barbara Montecucco, ha fatto la sua comparsa anche la “principessa Gavina”. L'evento ha fatto da cornice al battesimo di un nuovo raviolo, quello “da passeggio”. Si tratta naturalmente dello sforzo di recuperare una ricetta, che come altre rischia di essere dimenticata. Una cerimonia che visto la collaborazione di tante associazioni del territorio: dal Lions Club Gavi-Colline del Gavi, padroni di casa per un giorno del Forte, al Rotary Gavi-Libarna, agli Esercenti Gaviesi passando per la Pro Loco, il Consorzio Tutela del Gavi, la Croce Rossa, gli Amici del Forte e i Cavalieri del Raviolo. Una collaborazione, che ha permesso di superare l'unico “incidente” della giornata.
Il servizio navetta, che per un'incomprensione non è stato disponibile, è stato sopperito grazie alla disponibilità di molti Soci Lions, che con le proprie auto hanno portato al Forte le persone in attesa in piazza a Gavi.

“Ringrazio tutti per la disponibilità” è il commento conclusivo di Valerio E. Alfonso, presidente del Lions Club Gavi e Colline del Gavi.


Locandina 1 Giugno 2013 - Apertura antico ingresso del Forte di Gavi